Libertà

24 Ottobre 2012 0 Di attvar

La libertà che ho sempre avuto come principio e fine della mia esistenza, continua ad essere anche mia madre e mia figlia.  Ma credo sia anche la mia compagna. Quando la sento allontanarsi , quando è messa a rischio, mi arrabbio. E mi deprimo se mi rendo conto che non riesco a difendere il rapporto con questa figura, madre, compagna e figlia. La libertà di pensare a modo mio, di esprimermi, di errare e riparare, di amare di crescere e un giorno di uscire di scena sempre a modo mio. Ed io voglio e devo essere a modo mio libero, e finché riuscirò a credere in me stesso sarò anche libero. Riuscirò ad essere figlio, compagno e padre allo stesso tempo e libero.